cooltext447273776987562
logo ufficiale leonardo da vinci italy

PORTALE ITALIANO DI DIVULGAZIONE DELLA VITA E LE OPERE DI LEONARDO DA VINCI 

CHI SIAMO

PRIVACY POLICY

COOKYE POLICY

ESPERTI DI LEONARDO

MUSEI LEONARDO NEL MONDO

CIS LEONARDO DA VINCI  ETS

AFFILIAZIONI

 

 

CONATTTI

SEGNALAZIONI

LIBRI SU LEONARDO

AUDIOLIBRI SU LEONARDO

BLOG

QUESTIONARIO

LEONARDO NEL MONDO

 

In collaborazione con: 

logo ufficiale leonardo da vinci italy081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
stappabottiglie-leonardo_da_vinci.jpeg081a6e_38d220685d684ce58b93d9851ab09f73~mv2%20(1).webp89201-leonardo_da_vinci_ginevra_de_benci.jpeg123807230_o.jpegcosmo-leonardo-2017.jpegimage458_1.jpegleonardo_magi.jpegmadonna%20del%20garofano%20leonardo%20da%20vincileonardo-da-vinci-codice-leicester-10v-det.jpegcraquelure-1.jpegsistema-nervoso.jpegthe_baptism_of_christ_(verrocchio_&_leonardo).jpeg
logo ufficiale leonardo da vinci italy
cis official logos 2024
black

leonardodavinci-italy.com - all right reserved 2024 - divisione cultura, Sede legale: Milano  Piazza IV Novembre 4, cap 20124 -P.IVA 11463490968 – CCIAA MI 90266 REA 2604702    

LEONARDO DA VINCI E L'ANNUNCIAZIONE DI CRISTO

annunciazione di Cristo, dipinto da Leonardo da Vinci

Titolo dell'opera: Annunciazione di Cristo 

Data di produzione: 1472 - 1475

Dimensioni: 2,17 x 98 cm

Conservata presso: Galleria degli Uffizi, Firenze

Soggetto: Annunciazione di Cristo

Tecnica: pittura a tempera e colori ad olio 

Attribuzione: Leonardo da Vinci

l'angelo annunciazione di cristo di Leonardo da Vinci

Cosa rappresenta la scena dell'Annunciazione?

Il racconto dell'Annunciazione di Cristo si trova nel Nuovo Testamento della Bibbia, ( nel Vangelo secondo Luca, capitolo 1, versetti 26-38). 

 

Questo è il passo biblico che descrive l'annuncio dell'arcangelo Gabriele a Maria riguardo alla nascita miracolosa di Gesù Cristo. Ecco il testo della Bibbia (Nuova Riveduta):

Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, 

 a una vergine fidanzata con un uomo chiamato Giuseppe, della casa di Davide; e il nome della vergine era Maria. Entrando da lei, l'angelo le disse: 

«Salve, o piena di grazia, il Signore è con te!».  

A queste parole ella restò turbata e si domandava che senso avesse un tal saluto. 

 

L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai nel tuo grembo e darai alla luce un figlio, al quale darai il nome di Gesù.  Egli sarà grande e sarà chiamato Figlio dell'Altissimo, e il Signore Dio gli darà il trono di Davide, suo padre;  regnerà sulla casa di Giacobbe per sempre, e il suo regno non avrà fine». 

 

Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché io non conosco uomo?».  

L'angelo le rispose: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra; perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio.  Ecco, Elisabetta, tua parenta, ha concepito anch'essa un figlio nella sua vecchiaia; e questo è il sesto mese per lei, quella che chiamavano sterile:  nulla è impossibile a Dio».  

 

Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore; avvenga di me secondo la tua parola». E l'angelo si allontanò da lei.

 

Nel contesto rinascimentale, l'Annunciazione di Cristo è stata una tematica popolare nelle opere d'arte e ha rappresentato un importante momento nella storia cristiana. Questa scena rappresenta l'annuncio dell'arcangelo Gabriele alla Vergine Maria del concepimento miracoloso di Gesù, il Figlio di Dio.

 

Davanti a un palazzo rinascimentale, in un rigoglioso giardino recintato, l’Arcangelo Gabriele si inginocchia davanti alla Vergine rivolgendole il saluto. Maria - seduta con grande dignità davanti a un leggìo sul quale è poggiato un libro - gli risponde. La natura occupa, in questa tavola, uno spazio rilevante, quasi a voler sottolineare come il miracolo dell'Incarnazione divina coinvolga, oltre che un'umana come Maria, l'intero creato. 

Che cosa ha in mano l’Arcangelo Gabriele?

Nell'Annunciazione di Cristo di Leonardo da Vinci, l'arcangelo Gabriele è spesso rappresentato senza ali. Nella tradizione artistica e iconografica, l'arcangelo può essere raffigurato sia con ali che senza. Tuttavia, nelle opere di Leonardo da Vinci, l'accento è spesso posto sulla rappresentazione umana dell'arcangelo, piuttosto che sulla sua natura angelica.

 

Nel dipinto di Leonardo, Gabriele è solitamente ritratto in un atteggiamento dinamico, annunciando a Maria la buona notizia della sua futura maternità. Le espressioni del volto, i gesti delle mani e le posture sono dettagliati e ricchi di significato, ma le ali non sono presenti nella maggior parte delle sue rappresentazioni dell'arcangelo Gabriele.

 

Questo stile rispecchia la tendenza di Leonardo da Vinci a concentrarsi sulla rappresentazione realistica delle figure umane, evidenziando le emozioni e gli aspetti umani dei personaggi piuttosto che enfatizzare la loro natura angelica. In altre parole, Leonardo mirava a catturare la vita e l'umanità nelle sue opere, e questa scelta stilistica influenzava la sua interpretazione dell'arcangelo Gabriele senza ali nell'Annunciazione di Cristo. L’Arcangelo offre a Maria un giglio, simbolo di purezza e castità.

La posizione delle mani dell’Angelo è naturale: la destra è benedicente, e la sinistra a reggere il giglio. Lo sguardo è rivolto fisso verso Maria, nell'atto dell'annuncio.
 

angelo seduto annunciazione di Cristo, particolare di Leonardo da Vinci

Il Maestro, con una resa straordinaria, distende sulla tavola una luce crepuscolare che plasma le forme, rende omogenea la scena e mette in risalto le sagome scure degli alberi sul lontano paesaggio dello sfondo, dominato dai toni sfumati cari all’artista.

 

L'Angelo è raffigurato in una posizione classica, come appena planato con le ali battenti, nel momento poco prima di richiudersi. La veste però, a differenza di altri esempi (come l'Annunciazione di Simone Martini), è già completamente ricaduta al suolo e mostra il suo peso sull'erba, in cui sembra anche di poter cogliere lo spostamento d'aria dell'atterraggio.

A differenza degli angeli normalmente rappresentati, però, non ha ali di pavone (considerato animale sacro e simbolo di immortalità per la carne creduta immarcescibile), bensì ali di volatile autentiche, studiate attraverso l'anatomia propria dei volatili. C'è, però, una strana anomalia perché le ali originali erano più corte. Più tardi qualcuno dipinse sopra un'aggiunta, non comprendendo che qui Leonardo voleva rappresentare l'angelo che è atterrato, quindi che sta chiudendo le ali. Questa "correzione" compromise tutto il lavoro di studio di Leonardo sugli uccelli e la rappresentazione realistica dell'ala. L'angelo porge un giglio, emblema di purezza e castità, alla Vergine Maria.

Cosa sta facendo la Vergine?
Maria ha la mano destra appoggiata sul libro come se volesse evitare che si chiudesse (magari per il vento provocato dall'angelo), mentre la sinistra è alzata in segno di accettazione del suo destino. 

Amplissimo è il mantello azzurro che le copre le gambe, ricadente anche sul seggio, che dà un forte senso di plasticità ed esalta la forma nascosta delle gambe. La testa di Maria è ridipinta. 

È presente il contrapposto.

 

Quando L’Arcangelo giunge a farle visita, Maria ha la mano destra appoggiata sul libro come se volesse evitare che si chiudesse (magari per il vento provocato dall'atterraggio), mentre la sinistra è alzata in segno di accettazione del suo destino.

 

L’ampio mantello azzurro che le copre le gambe e ricade anche sul seggio, conferendo alla scena un forte senso di plasticità ed esalta la forma nascosta delle gambe. 

 

Madonna annunciazione di Cristo di Leonardo da Vinci - dettaglio

Libro aperto davanti a Maria

Il testo che la Vergine sta leggendo però mostra caratteri alfabetici latini e sigle abbreviative del Lexicon abbreviaturarum, usato dagli scrivani fin dal Medioevo, senza che la sequenza di lettere abbia significato: la Madonna, con tutta probabilità, sembra stia meditando sulla forma delle lettere secondo una modalità mistica di lettura spirituale.

Braccio destro di Maria

il braccio destro della Vergine risulta più lungo del sinistro, le gambe sono corte rispetto all'altezza del busto 

 

Il cipresso 

si confonde con l'edificio quattrocentesco facendolo risultare più grande. Ciò è dovuto, come già accennato, alla diversa collocazione delle gambe e delle spalle della Vergine rispetto al leggio: guardando solo la metà superiore Maria sembra lontana dallo spettatore, in angolo, guardando quella inferiore invece appare in primo piano.

la scelta di una prospettiva sbagliata di Leonardo?

 

1^ ipotesi:

Secondo una teoria di Carlo Pedretti, ovvero uno dei massimi esperti di Leonardo Da Vinci ripresa da  da Antonio Natali, il direttore degli Uffizi. l'errore di prospettiva sarebbe in realtà voluto dall'artista. Infatti se andiamo a osservare l'Annunciazione da una posizione laterale a destra, la sproporzione del braccio risulta più attenuata per effetto della tecnica che viene chiamata dell'anamorfismo. Tale tecnica ottica già usata da altri maestri fiorentini come Donatello o Filippo Lippi si trova anche in studi all'interno dei taccuini di Leonardo ed è quindi possibile che l'artista abbia scelto di adottare questo adattamento prospettico in previsione della futura collocazione dell'opera, magari lungo una parete che doveva essere guardata prevalentemente in scorcio da destra.

Nell'Annunciazione di Cristo di Leonardo da Vinci, l'arcangelo Gabriele è generalmente rappresentato con abiti angelici che riflettono un senso di sacralità e maestosità. La scelta dell'abbigliamento di Gabriele può variare nelle diverse rappresentazioni dell'Annunciazione realizzate da Leonardo e da altri artisti.

 

Nelle opere d'arte di questo periodo, gli arcangeli, compreso Gabriele, spesso indossavano vesti che richiamavano l'iconografia religiosa e angelica. Le vesti di Gabriele potrebbero essere ampie e fluide, a volte con colori luminosi e dorati, simboli di purezza e divinità. La scelta dei colori e dei tessuti era spesso finalizzata a trasmettere un senso di sacralità e trascendenza.

 

La rappresentazione di Gabriele nell'Annunciazione di Leonardo è caratterizzata dalla grazia e dalla dignità, sia nell'abbigliamento che nell'espressione. L'arte di Leonardo si distingue per la sua attenzione ai dettagli, che si riflette nelle pieghe delle vesti, nella luce e nelle ombre e nelle espressioni dei personaggi.

veste dell'angelo nell'annunciazione di cristo di Leonardo da Vinci - dettaglio

I fiori e le altre specie vegetali che si affastellano nel prato e nello sfondo sono descritti minuziosamente e sembrano studiati con una precisione lenticolare.
Oltre il muretto e i cipressi, simili a colonne, quasi a dividere matematicamente la scena, si intravedono sullo sfondo un fiume con anse e barche, e alte montagne punteggiate da torri. La luce è chiarissima, come mattutina, e ingentilisce i contorni delle figure, preannunciando lo "sfumato".

 

Nel Rinascimento, la rappresentazione degli arcangeli, tra cui Gabriele, era spesso caratterizzata da colori simbolici e significativi. Gli artisti rinascimentali attribuivano un grande valore simbolico ai colori, che contribuivano a trasmettere significati più profondi nelle loro opere.

 

Per quanto riguarda la rappresentazione di arcangeli come Gabriele, i colori comuni includono:

Bianco

Il bianco era spesso utilizzato per simboleggiare la purezza, la divinità e la luce celeste. Gli arcangeli venivano talvolta dipinti con vesti bianche, sottolineando la loro natura angelica e il loro ruolo divino.

 

Blu e Oro

Il blu e l'oro erano colori associati alla regalità e alla divinità. Gli artisti potevano utilizzare sfumature di blu per le vesti, mentre l'oro poteva essere incorporato nei dettagli delle vesti o come sfondo, suggerendo la loro connessione con il divino.

 

Rosso

In alcuni casi, il rosso poteva essere utilizzato per indicare la forza, la potenza o la presenza divina. Tuttavia, era meno comune per le rappresentazioni degli arcangeli rispetto a colori come il bianco e il blu.

GESTO DELL'ANGELO ANNUNCIAZIONE DI CRISTO - LEONARDO DA VINCI

Dov’è ambientata la scena?
La scena della Annunciazione rappresentata da Leonardo è ambientata in un hortus conclusus.

 

"Hortus conclusus" è una locuzione latina che significa "giardino chiuso" o "giardino recintato". Questo termine è spesso utilizzato in ambito religioso e artistico, avendo una serie di significati simbolici.

 

Nel contesto religioso, soprattutto nella tradizione cristiana, "hortus conclusus" può rappresentare la Vergine Maria. Si trova spesso nelle raffigurazioni artistiche, come ad esempio nelle rappresentazioni dell'Annunciazione. La Vergine Maria è talvolta descritta come un giardino chiuso, simboleggiante la sua purezza e la sua intoccabilità. Questo concetto è collegato al simbolismo del giardino come luogo sacro e protetto.

 

L'immagine del "hortus conclusus" è anche associata a una metafora biblica tratta dal Cantico dei Cantici (Cantico dei Cantici 4:12), in cui si legge: "Sei un giardino chiuso, mia sorella, sposa; sei una fontana sigillata, una sorgente chiusa".

In generale, il "hortus conclusus" è simbolo di bellezza, purezza e divinità, spesso utilizzato per rappresentare la figura della Vergine Maria e, più in generale, il concetto di sacralità e protezione. 

giardini ispirati da Leonardo da vinci

Durante il Rinascimento, gli orti botanici erano luoghi dedicati alla coltivazione, studio e raccolta di piante, con un'enfasi particolare sulle piante medicinali. 

Questi orti botanici erano istituiti da università, monasteri e altri istituti educativi con l'obiettivo di approfondire la conoscenza delle piante per scopi medicinali, scientifici e didattici. Alcuni dei primi orti botanici rinascimentali furono fondati nel XV secolo in Italia e successivamente in altre parti d'Europa.

Molta attenzione veniva dedicata allo studio e alla coltivazione di piante con proprietà medicinali. Gli alchimisti e gli erboristi rinascimentali credevano che la natura potesse offrire rimedi per molte malattie, e gli orti botanici fornivano un ambiente per raccogliere, studiare e coltivare queste piante.

 Gli erbari, o libri illustrati di piante, erano spesso prodotti basati sulle piante coltivate negli orti botanici. Questi libri contenevano disegni accurati e descrizioni delle piante, spesso con indicazioni sulle loro proprietà medicinali.

 

 Gli orti botanici contribuirono allo sviluppo della scienza botanica. La sistematica classificazione delle piante, l'osservazione dettagliata e gli studi sulla morfologia delle piante divennero parte integrante della ricerca botanica rinascimentale.

Gli orti botanici erano anche centri di insegnamento. Le piante venivano utilizzate come strumenti didattici per insegnare agli studenti principi di botanica, farmacologia e medicina.

Scambio di Piante: Gli orti botanici facilitavano lo scambio di piante tra diverse regioni e paesi. Questo scambio contribuì alla diffusione delle conoscenze botaniche e alla diversificazione della flora coltivata.

 

L'Orto Botanico di Pisa, fondato nel 1544, è uno degli esempi più antichi ancora esistenti di orto botanico e riflette il periodo rinascimentale. In seguito, molti altri orti botanici furono fondati in tutta Europa, contribuendo allo sviluppo della scienza botanica e della medicina.

Arcangelo Gabriele e io giglio che tiene tra le mani

Nella religione cristiana, il giglio è spesso associato a simbolismi che riflettono purezza, luce, e virtù. Questo simbolo è particolarmente presente nelle raffigurazioni artistiche e nelle decorazioni ecclesiastiche. Alcune delle interpretazioni simboliche associate al giglio includono:

Purezza e Castità: Il giglio bianco è spesso considerato un simbolo di purezza e castità. Questo simbolismo è collegato alla sua bellezza immacolata e al colore bianco, tradizionalmente associato alla purezza.

Madonna e Annunciazione: Il giglio può essere associato alla Vergine Maria in molte rappresentazioni artistiche dell'Annunciazione, in cui l'arcangelo Gabriele annuncia a Maria che concepirà Gesù. Il giglio può rappresentare la purezza di Maria e il concepimento immacolato di Gesù.

In alcuni contesti, il giglio può anche simboleggiare la resurrezione e la vita eterna, poiché il suo germoglio rigoglioso dopo l'inverno è interpretato come un segno di nuova vita e speranza.

 In alcune interpretazioni simboliche, i petali del giglio sono associati alla Trinità cristiana (Padre, Figlio e Spirito Santo), in quanto spesso compaiono in gruppi di tre.

prospettiva annunciazione di Cristo - dipinto Leonardo da Vinci

Cosa rappresenta Leonardo di fronte alla Vergine?
Maria si trova dietro un altare in marmo scolpito su cui è appoggiato il leggìo. 

In questo altare decorato con motivi classici, che trovano riscontro in un monumento del Verrocchio, la Tomba di Giovanni e Piero de' Medici nella sagrestia Vecchia di San Lorenzo .In alcuni punti, a una visione molto ravvicinata, si possono riscontrare le impronte digitali del ventenne Leonardo, che sfumava il colore talvolta coi polpastrelli per ottenere effetti di sfumatura e amalgama. 

 

Tale tecnica si riscontra sulle foglie dei festoni alla base del leggio e sulle dita della mano destra della Vergine.

 

La Tomba di Giovanni e Piero de' Medici è un capolavoro dello scultore Rinascimentale Michelangelo Buonarroti. Si trova nella Sagrestia Vecchia di San Lorenzo a Firenze, Italia, ed è parte di un più ampio progetto commissionato dai Medici per decorare la sagrestia e la cappella funeraria della famiglia nella basilica di San Lorenzo.

 

La tomba fu commissionata da Lorenzo il Magnifico, il capo della famiglia Medici, in onore di suo zio Giovanni di Bicci de' Medici e di suo padre Piero il Gottoso. La realizzazione della tomba iniziò intorno al 1524 e fu completata dopo la morte di Michelangelo, venendo terminata da alcuni dei suoi allievi.

La tomba comprende le statue di Giovanni e Piero de' Medici in posizioni sedute e accovacciate. 

 

disallineamento del disegno:

Molti studiosi hanno messo in dubbio che l'opera sia stata fatta da leonardo in quanto vi sarebbe grossolani errori di prospettiva, cosa che sarebbe risultata essere impossibile per Leonardo, lui che era attento al dettaglio degli spazi, delle profondità e geometrie.

 

La rappresentazione di una conchiglia tra nastri svolazzanti può essere un simbolo associato alla figura mitologica di Venere, la dea dell'amore e della bellezza nella mitologia romana. Questo simbolo può essere interpretato come un'icona della "nuova Venere" o di una rinascita dell'amore e della bellezza, spesso connotata con elementi di freschezza e purezza.

La conchiglia è un simbolo antico associato alla nascita e alla fertilità. Nella mitologia, Venere è spesso rappresentata nascendo dal mare all'interno di una conchiglia. L'immagine di nastri svolazzanti aggiunge un elemento di movimento e leggerezza, trasmettendo un senso di grazia e fluidità.

Questo simbolo può essere stato utilizzato in varie opere d'arte, decorazioni o raffigurazioni letterarie per evocare l'idea di una nuova Venere o di un nuovo inizio, spesso connesso con il tema dell'amore e della bellezza rinnovata. La conchiglia e i nastri potrebbero anche essere usati come allegoria della primavera o della gioventù eterna, rappresentando la rinascita ciclica della natura e della vita.

Leonardo in questa rappresentazione  della conchiglia in ogni singolo dettaglio di profondità, luci e ombre,, riversa tutta la sua esperienza pittorica delle forme, acquisita durante il suo apprendistato dal Verrocchio. 

 

sfondo annunciazione di Cristo - Sfumato di Leonardo da Vinci

Nell'Annunciazione di Cristo di Leonardo da Vinci, il paesaggio di solito include elementi naturali, ma la presenza specifica di montagne potrebbe variare tra le diverse interpretazioni di questo tema da parte di Leonardo. Le rappresentazioni artistiche dell'Annunciazione possono presentare variazioni nei dettagli del paesaggio, a seconda dell'artista e della versione specifica dell'opera.

 

In alcune rappresentazioni, Leonardo utilizza un paesaggio che può includere colline o montagne sullo sfondo, contribuendo a creare un'atmosfera più ampia e suggestiva. Tuttavia, la presenza o l'assenza di montagne specifiche possono variare tra le diverse versioni dell'Annunciazione dipinte da Leonardo.

 

Anche quando qualcuno ha tentato di coglierlo in fallo, il maestro ha resistito alla grande. Nell'Annunciazione, per esempio, gli studiosi hanno notato un albero simile all'Araucaria araucana, una specie giunta in Italia dal Sudamerica solo nel XIX secolo. Non si tratta tuttavia di un'invenzione di Leonardo: la forma singolare della pianta sembrerebbe derivare dalle fantasiose potature descritte da numerosi documenti dell'epoca.

Anche quando qualcuno ha tentato di coglierlo in fallo, il maestro ha resistito alla grande. Nell'Annunciazione, per esempio, gli studiosi hanno notato un albero simile all'Araucaria araucana, una specie giunta in Italia dal Sudamerica solo nel XIX secolo. Non si tratta tuttavia di un'invenzione di Leonardo: la forma singolare della pianta sembrerebbe derivare dalle fantasiose potature descritte da numerosi documenti dell'epoca.

 

PORTA DIETRO LA MADONNA NE L'ANNUNCIAZIONE DI CRISTO DI LEONARDO DA VINCI - DETTAGLIO

Cosa si intravede dalla piccola porta alle spalle di Maria?
La scelta di raffigurare Maria con una porta alle spalle è simbolica e ha diverse interpretazioni:

 

Simbolo di Rispetto e Umiltà: Maria, al momento dell'Annunciazione, è solitamente rappresentata in preghiera o in meditazione. La porta alle spalle può simboleggiare rispetto e umiltà, indicando che Maria si rivolge a Dio in preghiera e che è consapevole della sua presenza divina.

 

La presenza della porta può anche simboleggiare l'apertura di Maria a Dio e alla volontà divina. La porta può essere vista come un simbolo di accesso a nuove possibilità e alla divina missione di concepire il Figlio di Dio. La porta può rappresentare il passaggio o la soglia tra la vita normale di Maria e la straordinaria chiamata divina di portare Gesù. È un momento di trasformazione e apertura a un destino divino.

La scelta di rappresentare Maria con la porta alle spalle contribuisce alla profondità simbolica e spirituale della scena, aggiungendo un elemento di sacralità e mistero all'Annunciazione.

La storia dell'opera

L'opera è stata restaurata nel 2000, . Secondo lo studioso Massimo Giontella, l'Annunciazione sarebbe un'opera risalente al 1481 ed attribuibile ad Antonio del Pollaiolo, a cui però anche Leonardo avrebbe partecipato, e la città sullo sfondo viene identificata in Otranto, espugnata dai Turchi nel 1480.

 

1867

Viene trasferito dalla Chiesa di San Bartolomeo a Monte Oliveto per poi essere trasferito nella Galleria degli Uffizi.Non è detto che la chiesa di San Bartolomeo fosse la destinazione originaria dell'opera, infatti Vasari non la citò, pur avendo tra i monaci olivetani il corrispondente e amico don Miniato Pitti, che lo aveva informato minuziosamente sul corredo artistico del monastero.

 

2000, restauro

ripristinando una migliore luminosità e leggibilità dei dettagli, con una migliorata lettura della prospettiva grazie alla maggiore visibilità dello scorcio architettonico sulla destra e dello sfumare del paesaggio

 

Riassunto generale

La più celebre di queste rappresentazioni è "L'Annunciazione" realizzata tra il 1472 e il 1475. In questa opera, l'arcangelo Gabriele appare a Maria, spesso raffigurata in un giardino o in un ambiente sacro. La luce, la prospettiva e l'espressione umana accurata sono elementi distintivi di questa opera.

La "Annunciazione" di Leonardo è notevole anche per l'attenzione ai dettagli naturalistici e per il modo in cui ha affrontato la sfida di rappresentare la figura umana e l'atmosfera circostante. La rappresentazione del movimento, la delicatezza dei tratti e la maestria nella resa degli sfondi paesaggistici riflettono l'incredibile talento artistico di Leonardo e il suo interesse per la fusione di arte e scienza.

 

Composizione: 

La scena è divisa in due parti: a sinistra c'è l'arcangelo Gabriele, mentre a destra c'è Maria. La figura di Gabriele è rappresentata in un atteggiamento dinamico, in piedi su un terreno inclinato. Maria è solitamente raffigurata inginocchiata o in piedi davanti a un leggio, simbolo della sapienza divina.

 

Espressioni e dettagli anatomici 

Nel dipinto "L'Annunciazione" di Leonardo da Vinci, la sua attenzione ai dettagli anatomici è evidente nelle rappresentazioni delle figure umane. In particolare, l'artista ha cercato di rendere realistiche le espressioni facciali, i gesti e le posture dei personaggi coinvolti nella scena.

 

Espressioni facciali

Leonardo ha ritratto con cura le espressioni facciali di Maria e dell'arcangelo Gabriele. Maria può esprimere sorpresa, umiltà o contemplazione, a seconda della versione specifica del dipinto. Gabriele può avere un'espressione più decisa o gioiosa, riflettendo la sua missione di annunciare un evento divino.

 

Mani e gesti 

Le mani dei personaggi sono spesso oggetto di grande attenzione da parte di Leonardo. I gesti delle mani possono comunicare emozioni e significati simbolici. Ad esempio, la mano di Maria potrebbe essere aperta in segno di accettazione del messaggio divino, mentre Gabriele potrebbe fare un gesto di benedizione.

 

Vesti e anatomia generale 

Leonardo ha studiato accuratamente la resa delle vesti e delle figure umane. Le pieghe dei tessuti, la trasparenza di certe parti e il modo in cui la luce cade sulle figure mostrano la sua abilità nel rappresentare la texture e la consistenza.

 

Prospettiva e anatomia: 

La profonda conoscenza di Leonardo dell'anatomia umana è evidente nella corretta rappresentazione delle proporzioni del corpo e nella gestione accurata della prospettiva. Anche se l'attenzione anatomica potrebbe non essere così prominente come nei suoi studi diretti sull'anatomia, la sua comprensione della struttura del corpo contribuisce alla resa realistica delle figure.

Questi dettagli anatomici sottolineano la maestria di Leonardo nell'osservazione del mondo e nella sua capacità di trasferire la sua conoscenza sulla tela, contribuendo alla ricchezza emotiva e simbolica del dipinto.

 

Paesaggio 

l dipinto spesso presenta uno sfondo paesaggistico che può includere un giardino con fiori o alberi, contribuendo a creare un'atmosfera eterea e spirituale.

Nel dipinto "L'Annunciazione" di Leonardo da Vinci, il paesaggio rappresentato svolge un ruolo significativo nell'atmosfera complessiva dell'opera. Sebbene il paesaggio possa variare tra diverse versioni dell'"Annunciazione" realizzate da Leonardo, spesso si trova un giardino o un ambiente naturale circostante che aggiunge profondità e simbolismo alla scena.

Nel contesto del Rinascimento, il paesaggio in queste opere non era solo uno sfondo, ma un elemento simbolico. Il giardino poteva rappresentare il Paradiso o la purezza, mentre alberi o piante specifiche potevano avere significati simbolici. La cura di Leonardo nei dettagli si estendeva al paesaggio, con alberi, fiori e arbusti dipinti con grande precisione.

La scelta di integrare il paesaggio nella rappresentazione dell'Annunciazione non solo enfatizzava la bellezza della natura, ma contribuiva anche a creare un'atmosfera sacra e mistica, sottolineando la divinità dell'evento. La luce che filtrava attraverso il paesaggio e le ombre create contribuivano alla resa della trascendenza e della spiritualità.

 

Luce e ombre 

La gestione della luce e delle ombre è un altro elemento distintivo dell'opera di Leonardo. La luce può essere morbida e diffusa, contribuendo a creare una sensazione di divinità e misticismo.

 

Tecnica pittorica

 Leonardo utilizzò la tecnica dell'olio su tavola per questo dipinto, una tecnica che stava diventando sempre più popolare nel Rinascimento. La tecnica dell'olio permetteva ai pittori di ottenere sfumature più delicate e un maggiore realismo nei dettagli.

Nel caso specifico della "Annunciazione", la tecnica di Leonardo riflette la sua attenzione straordinaria ai dettagli e la sua maestria nel creare effetti di luce e ombra. Le vesti dei personaggi sono dipinte con particolare cura, mostrando la trasparenza dei tessuti e la ricchezza delle pieghe. La resa del paesaggio circostante, con il suo dettagliato giardino e gli elementi architettonici, riflette l'interesse di Leonardo per la natura e la prospettiva.

Leonardo, con la sua meticolosità e precisione, contribuì a definire nuovi standard nella pittura del Rinascimento, influenzando generazioni di artisti successivi.

 

Questo capolavoro riflette l'eccezionale talento di Leonardo nell'unire la precisione anatomica con la profondità emotiva, creando una rappresentazione raffinata e intima dell'annuncio divino.

visita i musei di Leonardo da Vinci
LEONARDO DA VINCI E I MUSEI ITALIANI

ORGANIZZA IL TUO  VIAGGIO E SOGGIORNO A FIRENZE

NUMERI UTILI

Libri consigliati sull'argomento 

Guida cartacea di Firenze

Guida cartacea ufficiale Uffizi

Biblioteca pubblica

Biglietti di ingresso Uffizi

Viaggio in aereo

Viaggio in treno

Crociera sulla Senna

Tour in bicicletta

Locali notturni

Crociera sull'Arno

Noleggia una vettura 

Affitta un appartamento 

Prenota NH hotel 

Prenota altro hotel

Prenota un Bed&Breakfast 

Dove mangiare 

Cucina tipica toscana 

Servizio taxi 

Ufficio turismo

Comune

Ospedale

SOS stradale

SOS animali

Metropolitana

Trasporti pubblici

Aereoporto

Ferrovia

Vigili del fuoco tel.18

Forze dell'ordine tel. 17

Pronto soccorso tel. 112

pittori del rinascimento - Leonardo da Vinci
l'annunciazione di LEONARDO DA VINCI libro
codice vaticano di LEONARDO DA VINCI
Leonardo da Vinci pittore del rinascimento

facebook
instagram
twitter
linkedin
youtube
whatsapp
messenger
tiktok
telegram

Per segnalazioni su questa pagina clicca qui

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder